Cosa è la progettazione sociale

Versione stampabileVersione stampabile

L’Azione Cattolica Italiana, e in particolare il Movimento Lavoratori, promuove forme di progettazione sociale e pastorale per dare un aiuto concreto ai giovani e adulti che vogliono valorizzare le proprie competenze affinché si sentano protagonisti nel proprio territorio, generando senso d’appartenenza, solidarietà civile e sinergia con gli attori locali.

La progettazione sociale deve, quindi, poter  incentivare la capacità di intercettare i bisogni e le attese delle persone nei loro contesti, favorire il discernimento comunitario come metodo d’analisi della realtà e diventare strumento di cambiamento.                                                   

       dal XV documento Congressuale del Movimento Lavoratori di AC

 

Il Bando della Progettazione Sociale nasce nel 2007 con l'idea di promuovere la realizzazione di progetti ispirati ai principi della Dottrina Sociale della Chiesa, finalizzati alla costruzione di relazioni tra le persone e gli attori sociali del territorio. Tali idee progettuali dovevano legare promozione umana e testimonianza cristiana negli ambienti di vita. Tra il 2008 e il 2013 hanno partecipato al Bando diverse realtà associative ecclesiali e non, animatori di comunità del Progetto Policoro, diocesi, parrocchie, gruppi formali e informali, coinvolgendo uffici di pastorale, scuole, comuni, creando occasioni di confronto, dialogo e crescita sociale.

I progetti presentati sino ad oggi sono stati 109 , 29 finanziati, molti altri sono andati avanti con le loro gambe e proseguono nel tempo. In questi anni la Progettazione Sociale si è arricchita della collaborazione preziosa dell'ufficio nazionale della Pastorale Sociale e del Lavoro e di Caritas Italiana che hanno permesso d'incrementare il numero dei progetti premiati e aumentare le possibilità di  rafforzare i legami nei territori creando  vere e proprie reti sociali che possano essere generatrici di buone prassi.