Congressi Diocesani 2017

Versione stampabileVersione stampabile

A SCUOLA DI LAVORO

CONGRESSO DIOCESANO MLAC

Sabato 4 febbraio nelll’Aula Magna del liceo Artistico Preti/Frangipane si è svolto il XVI Congresso del Movimento Lavoratori di Azione Cattolica della diocesi di Reggio Cal/Bova per il rinnovo triennale delle cariche associative. Il convegno ha preso in esame l’alternanza scuola–lavoro. “A scuola di lavoro” il titolo dell’incontro durante il quale si è cercato di capire come questa alternanza stia attecchendo nella scuola e nella società, quali siano le ricadute positive ed i possibili aggiustamenti da apportare. Nei saluti iniziali l’assistente generale di AC, don Salvatore Santoro, ha sottolineato il ruolo del MLAC al servizio dell’associazione e della nostra chiesa locale, plaudendo al lavoro svolto in questi anni. Ornella Occhiuto, presidente diocesana di AC, ha rimarcato l’importanza della formazione al lavoro e di come questa possa e debba svilupparsi già durante il periodo scolastico. Cosimo Calabrò, incaricato MLAC Calabria, ha sottolineato il grande lavoro svolto a livello regionale che ha portato la Calabria ad avere il MLAC in 8 diocesi su 12. Pasquale Andidero, componente dell’ufficio di segreteria nazionale del MLAC, ha portato i saluti della segreteria e dell’equipe nazionale e indicando nel “far recuperare alle nostre comunità orizzonti etici di riferimento entro cui costruire percorsi d’impegno per la diffusione di una corretta cultura del lavoro e la sperimentazione di buone pratiche”, al fine di “costruire giustizia sociale rendendosi prossimi agli altri, spiritualmente e materialmente” ha invitato tutti a partecipare al prossimo Congresso Nazionale MLAC che si svolgerà dal 31 marzo al 2 aprile c.a. a Lamezia Terme.

Il prof. Paolo Benoci, vice-preside dello stesso Liceo Artistico, ha evidenziato la positività del progetto Scuola-Lavoro che indubbiamente può fornire agli studenti un utile bagaglio formativo e culturale ma, che, ha anche manifestato problemi e lati da migliorare, come, ad esempio, la difficoltà a completare le ore di formazione richieste e a trovare aziende con adeguati standards di sicurezza secondo la normativa. Erminia Foti, incaricata regionale del MSAC, ha spiegato le motivazioni dell’alternanza, questo dovrebbe incentivare negli studenti la voglia di “fare” non solo per obbligo scolastico ma per desiderio di conoscenza e, anche, per stimolare patti educativi tra scuola, famiglia e impresa. Il vero intento deve essere quello di trasmettere ai giovanissimi, accanto alla formazione, soprattutto l’amore verso la cultura, il vero, il bello. Ampio spazio alla concretezza è stato dato con le testimonianze di due studentesse che hanno vissuto, e continuano a farlo, l’esperienza dell’alternanza scuola-lavoro. Sara D’Arrigo, IV-E del Liceo Artistico, ha trasmesso ai numerosi presenti l’entusiasmo suo personale e dei suoi compagni di classe per il coinvolgimento in questa positiva esperienza formativa presso il Museo Diocesano, utile non per la specializzazione del proprio corso di studio ma per l’apprendimento di uno stile di lavoro. Sara ha, anche, presentato la mostra dei quadri eseguiti da tutti i componenti della sua classesotto la guida professionale e coinvolgente del prof. Rodolfo Malafarina. Venti splendidi disegni che hanno abbellito le pareti dell’Aula Magna e che hanno deliziato i presenti, dando una fattiva percezione di cosa ha significato l’impegno dell’alternanza nel loro caso specifico. Noemi Toscano, IV-B dell’Istituto Tecnico “Piria” ha evidenziato l’esperienza positiva dell’iniziativa ministeriale per l’approccio al mondo del lavoro e il percorso effettuato con la collaborazione delle animatrici del Progetto Policoro. Nel dibattito si è ribadito il concetto che l’alternanza scuola – lavoro non serve come specializzazione ma come percorso che porti il giovane alla conoscenza del mondo del lavoro, per evitare che si arrivi alla laurea senza sapere che cosa sia lavorare. Dopo lo spoglio delle schede c’è stata la proclamazione degli eletti. Nel prossimo triennio, saranno Gianni Sergi segretario e Cosimo Calabrò vice-segretario a guidare il MLAC diocesano. Con l’impegno di tutto il Movimento Lavoratori di AC reggino a proseguire nel cammino intrapreso in questi anni al servizio dell’AC e della chiesa reggina bovense si è chiuso il  XVI congresso.

Pasquale Andidero

 

il video con le foto: