Festa San Giuseppe 2019 - Lavoro di generazione in generazione

Versione stampabileVersione stampabile

Festa San Giuseppe 2019  - Linee guida

La Festa di San Giuseppe è un appuntamento importante nella vita del Movimento Lavoratori di AC. Per il 2019, il MLAC propone di realizzare la Festa di San Giuseppe in prossimità di domenica 17 marzo, a seconda delle proprie preferenze. La Festa di San Giuseppe 2019 è pensata come un evento da realizzare a livello diocesano, ma ciò non toglie che possiate concordare con la delegazione regionale di realizzare la stessa festa a livello regionale.

Tema della Festa di San Giuseppe 2019

Il tema della Festa di San Giuseppe 2019 è “Lavoro di generazione in generazione”.

Il tema si inserisce nel cammino del secondo anno del triennio associativo, poiché desideriamo renderci disponibili a generare ovvero «apprendere la virtù dell’incontro» (Vittorio Bachelet), accogliere l’invito a primerear (prendere l’iniziativa) e ad uscire fuori da sé per farsi prossimi e accompagnare i passaggi dell’esistenza di ciascuno curandone la vita spirituale. 

Generare per avviare processi: “Generare è dare inizio, far emergere, rendere visibile ciò che in qualche modo è nell’origine, che è invisibile e ha radici lontane, che precede l’azione e la rende possibile. Solo in questa tensione tra prima e ora, tra invisibile e visibile, tra soggetto e altro da sé ha luogo la generatività.”
“Generare implica saper vedere… significa discernere e immaginare … riconoscere ciò che ha un potenziale, capire in quali condizioni si può sviluppare; e poi esercitare l’immaginazione e la speranza, con competenza e attenzione”.
“La generatività sblocca il regime statico dello scambio e delle equivalenze e, così facendo, aumenta la vita. Aperta alla novità, è uno sguardo inedito sul mondo. Per questo trova strade originali, anche attivando risorse non ancora impiegate”.

Il lavoro come luogo d’incontro (o criticità) tra generazioni diverse nel dialogo e confronto: tra  diverse età in un tempo di cambiamenti del lavoro; tra diversi approcci al lavoro; tra diverse storie di lavoratori (con lavori che si perdono o si inventano); tra diverse forme di lavoro (da quello manuale a quello 4.0). Un’occasione anche per far emergere la relazione tra le generazioni sul senso del lavoro.

L’obiettivo è anche la valorizzazione della figura di S. Giuseppe nella famiglia di Nazareth, che ha insegnato il lavoro a Gesù. Giuseppe non ha generato il figlio, ma è stato generativo nella testimonianza e nell’educazione laboriosa e quotidiana, con la sua attività e premura, ed è perciò modello e patrono dei lavoratori.

Suggerimenti per la preparazione dell’iniziativa

In molte parti d’Italia ci sono dei musei del lavoro che possono essere valorizzati. Valorizzare la memoria per riconoscere le proprie radici, per riconoscere i valori e i beni che sono stati trasmessi (tra creatività e fiducia, sostenibilità e generosità, conflitti e impegno), per riconoscersi dentro una catena di generazioni con responsabilità.

Un museo del lavoro può avere molteplici sfaccettature: oltre i tradizionali musei del lavoro pensiamo ai musei sulla civiltà contadina, ai musei del mare, ai musei della pesca, ecc.

Ci possono essere poi luoghi di lavoro che sono “musei”, che conservano cioè la memoria di lavori antichi generando nuove opportunità o riscoprendo tradizioni lavorative.

Tutti questi musei, in un certo senso, rimandano a forme di lavoro e a figure di lavoratori.

La Festa di San Giuseppe 2019 intende così valorizzare un luogo, un museo del lavoro, ma anche un lavoro (o diversi lavori) svolti nel corso del tempo, di generazione in generazione: alcuni lavori saranno estinti, altri saranno stati aggiornati, altri saranno completamente nuovi.

Lo stile della festa di San Giuseppe mira a creare legami (sul territorio, tra diverse realtà…).

Ciascun gruppo MLAC può contattare le realtà museali, o lavorative, contattare anche il comune che ospita il museo, onde elaborare una forma di collaborazione, così come le associazioni di categoria presenti (imprenditori, sindacati, consorzi, ecc.). Successivamente si potrebbe definire il programma dell’evento assieme ai partner individuati. Tali sinergie sono importanti per realizzare una Festa di San Giuseppe che rappresenti una chiesa in uscita, ma anche per stringere legami con il proprio comune, il museo del lavoro, l’associazione di categoria, ecc.

La Festa di S. Giuseppe si propone di essere un momento di gioia e festa, cercando modi “innovativi” d’incontro e aperti sul territorio.

Contest Instagram

Contestualmente alla festa di San Giuseppe, proponiamo un contest tramite il social network Instagram, usato in particolare tra le nuove generazioni. Questo contest rappresenta un’ottima occasione per coinvolgere nella Festa di San Giuseppe i ragazzi dell’ACR, i giovanissimi ed i giovani presenti nelle rispettive associazioni diocesane. Le foto dovranno essere pubblicate usando gli hashtag #mlac e #sangiuseppe2019.

La foto che riceverà più “mi piace” riceverà in premio una fornitura di pasta de “Il Mulino di Gragnano”, pastificio campano costituito da giovani che hanno sviluppato la loro idea imprenditoriale dopo aver partecipato al concorso “Idee in movimento” che il MLAC svolge ogni anno.

La segreteria MLAC