XII° Concorso di Idee "Lavoro e Pastorale" Edizione 2018 ...Seminatori di Idee...

Versione stampabileVersione stampabile

 

 

Si può dire che oggi non viviamo un’epoca di cambiamento quanto un cambiamento d’epoca. Le situazioni che viviamo oggi pongono dunque sfide nuove che per noi a volte sono persino difficili da comprendere. Questo nostro tempo richiede di vivere i problemi come sfide e non come ostacoli: il Signore è attivo e all’opera nel mondo”. Noi dunque, in seno all’Azione Cattolica, a servizio della Chiesa italiana e della nostra Italia, vogliamo fare nostre queste sfide per discernere il complesso mondo del lavoro, cavalcarne le trasformazioni e recuperando orizzonti etici di riferimento, costruire il nostro impegno affinché nel mondo del lavoro possa trionfare la giustizia e l’Amore. Queste le premesse che ci hanno accompagnato alla XII edizione del concorso delle idee per la pastorale e per il lavoro che il Movimento Lavoratori di Azione Cattolica propone ogni anno in collaborazione con Caritas Italiana e l’Ufficio Nazionale per i Problemi Sociali e Lavoro.

 

 Il lavoro ci dà dignità, e i responsabili dei popoli, i dirigenti hanno l’obbligo di fare di tutto perché ogni uomo e ogni donna possano lavorare e così avere la fronte alta, guardare in faccia gli altri, con dignità. Chi, per manovre economiche, per fare negoziati non del tutto chiari, chiude fabbriche, chiude imprese lavorative e toglie il lavoro agli uomini, compie un peccato gravissimo.

 

Il lavoro ci dà dignità, e i responsabili dei popoli, i dirigenti hanno l’obbligo di fare di tutto perché ogni uomo e ogni donna possano lavorare e così avere la fronte alta, guardare in faccia gli altri, con dignità. Chi, per manovre economiche, per fare negoziati non del tutto chiari, chiude fabbriche, chiude imprese lavorative e toglie il lavoro agli uomini, compie un peccato gravissimo.

Papa Francesco 15 marzo 2017

 

Nella ricerca di percorsi capaci di ridestare il coraggio e gli slanci del cuore non si può non tenere in conto che la persona di Gesù e la Buona Notizia da Lui proclamata continuano ad affascinare molti giovani. La capacità di scegliere dei giovani è ostacolata da difficoltà legate alla condizione di precarietà: la fatica a trovare lavoro o la sua drammatica mancanza; gli ostacoli nel costruirsi un’autonomia economica; l’impossibilità di stabilizzare il proprio percorso professionale. Per le giovani donne questi ostacoli sono normalmente ancora più ardui da superare. Il disagio economico e sociale delle famiglie, il modo in cui i giovani assumono alcuni tratti della cultura contemporanea e l’impatto delle nuove tecnologie richiedono maggiore capacità di rispondere alla sfida educativa nella sua accezione più ampia.

dal Documento preparatorio Sinodo 2018 I giovani, la fede e il discernimento vocazionale

Per quanto riguarda l’ambito del lavoro, in collaborazione con gli uffici di pastorale sociale e del lavoro diocesani, è importante valorizzare il tesoro rappresentato dall’esperienza della progettazione sociale, promossa dal Movimento Lavoratori. Essa favorisce la realizzazione di progetti ispirati ai principi della Dottrina Sociale della Chiesa per costruire relazioni concrete tra persone e attori sociali del territorio, divenendo anche occasione di speranza grazie al racconto e allo sviluppo di buone prassi nel campo del lavoro e dell’imprenditoria.

dal XVI Documento dell’Assemblea Nazionale dell’Azione Cattolica Italiana

Il fine è trasformare la realtà in cui si vive... insieme all'impegno per responsabilizzare le realtà istituzionali e i corpi intermedi è necessario contribuire a generare nuova realtà sociale attraverso proposte concrete, progetti mediante la diffusione sia di un'adeguata cultura della progettualità sia di corretti sitili di vita.

dal XVI Documento Congressuale del Movimento Lavoratori di AC

1. FINALITÀ
- Realizzare reti sociali e fiduciarie tra comunità civile e comunità ecclesiale, strutturando e mettendo a sistema vere e proprie alleanze tra parrocchie, famiglie, scuola, istituzioni, società civile e mondo dell'impresa, coinvolgendo le realtà presenti nell’Azione Cattolica locale (MLAC, MSAC, Adulti, Giovani, Acr, etc.).
- Incentivare la diffusione della cultura della progettualità, anche sviluppando l’uso di sistemi di condivisione innovativi e di piattaforme digitali.
- Sviluppare contesti di educazione alla laboriosità rendendo protagonisti adulti e giovani.
2. AMBITI DI INTERVENTO
Il Concorso di Idee accoglie progetti in uno dei seguenti ambiti:
a) Promozione di percorsi di educazione alla laboriosità nell’ambito formativo ed educativo, con un’attenzione all’alternanza scuola-lavoro, per accompagnare l’esperienza dei giovani all’essere proattivi, realizzatori di idee e all’autentico senso del lavoro.
b) Promozione di nuove forme di relazione e sostegno tra le persone, per il ben-essere della comunità, e sviluppo di reti di coesione sociale innovative (vicinato solidale e coabitazione, sostegno a persone deboli, anziani, reciprocità con zone in difficoltà anche per eventi naturali, ecc.).
c) Riscoperta e valorizzazione di tradizioni locali, materiali ed immateriali (antichi grani e sementi, antichi metodi di coltivazione e lavorazione, antichi tessuti, antichi strumenti, antichi mestieri, antiche prassi comunitarie, antichi borghi, ecc.).
3. OBIETTIVI
- Sviluppare una nuova cultura del lavoro “libero, creativo, partecipativo e solidale” (EG n. 192) che, rispettando i tempi e gli spazi di vita della persona, generi relazioni di reciprocità per mettersi in gioco nel mondo del’imprenditoria o favorendo l’orientamento nel mondo del lavoro.
- Sviluppare l’uso di sistemi digitali innovativi (piattaforme di condivisione, social network, App, crowdfunding, crowdsourcing, ecc.) nell’ambito di intervento prescelto.
- Sviluppare contesti di educazione alla laboriosità, rendendo protagonisti giovani e adulti, attraverso attività espressive artistiche, letterarie e ludiche.
- Favorire lo sviluppo sostenibile del territorio, la valorizzazione del patrimonio materiale e immateriale presente nella comunità, la riscoperta di colture, tradizioni e mestieri.

Allegati tutti i documenti necessari per il concorso:

- formulario di presentazione dei progetti (allegato 1);


- modello di lettera per il partenariato (allegato 2);


- lettera di condivisione d’intenti con l’Azione Cattolica diocesana / MLAC diocesano (allegato 3);
- Liberatoria proprietà video-fotografiche ( allegato 4);

- vademecum compilazione formulario (allegato 5).