Agri-Cultura sostenibìle

Versione stampabileVersione stampabile

Titolo:Agri-Cultura sostenibìle
Gruppo Proponente: OLTREMENTE SOCIETA’ COOPERATIVA

Descrzione:

Il progetto “Agri-Cultura Sostenibile” ha l’obiettivo di attivare un pensiero concreto sulla tutela dell’ambiente e del territorio, la promozione e la valorizzazione del patrimonio rurale e culturale oltre al recupero e la trasmissione delle conoscenze tradizionali e della biodiversità, ancora reperibili tra la gente del posto. Lo strumento di lavoro è dato dalla agricoltura sociale poiché è cambiata la funzione e il ruolo dell’agricoltura (non solo produttrice di beni alimentari, ma anche produttrice di servizi ed esternalità positive), non più residuale, ma strategica, innovativa e intelligente e quindi strettamente connessa con la comunità e il territorio. Il progetto intende creare dal basso governance forti, rappresentative e responsabili, favorire il cambiamento e l’innovazione, incentivare la partecipazione, creare reti e relazioni orizzontali e verticali. Alla base del progetto intergenerazionale e interculturale, vi è l’idea che gli anziani i bambini e i migranti stanno bene insieme e sono ricchezza gli uni per gli altri: • L’ incontro permette ai bambini di allacciare relazioni significative con altri adulti al di fuori della loro famiglia; • Il contatto con i bambini fa “rivivere” e può restituire all’anziano una dimensione progettuale sul domani che lo renda protagonista in prima persona della propria vita. • L’incontro tra il migrante e la gente del posto può favorire l’integrazione sociale. Ma il loro incontro non è scontato. Purtroppo il nostro modo di vivere quotidiano sembra tendere a separare anziché favorire gli scambi e concepisce i diversi momenti della giornata come spazi e tempi mono generazionali, escludendo lo scambio e l’incontro fra età diverse e culture diverse. Gli ambienti di vita stanno perdendo gradualmente la loro dimensione di comunità, di inclusione e di appartenenza. Gli anziani e i migranti avranno il ruolo di mentori e di formatori professionali, per tramandare tecniche di coltivazione e di produzione, un patrimonio di esperienza e tradizione autentico e sostenibile. In tal senso si potrà sopperire all’esclusione sociale degli anziani e dei migranti e far comprendere ai bambini tante risorse inespresse e la riscoperta di un mondo rurale ricco di valore non solo per chi ci lavora, ma anche per chi ne fruisce attraverso la produzione e il consumo di prodotti sostenibili, sani ed equi.