Il lavoro Domenicale, una testiomianza

Versione stampabileVersione stampabile
Pubblichiamo la lettera di una lavoratrice del Commercio, che ci ricorda ancora una volta che la salvaguardia della dignità del lavoro va messa al centro delle scelte quotidiane di ognuno di noi, non solo di chi ci governa!
 
"Salve, lavoro a tempo pieno in un supermercato. Amo il mio lavoro, mi ha reso possibile diventare indipendente, avere una casa, costruire una famiglia: il sogno di tante persone.
In un momento come questo dove la disoccupazione opprime, toglie sogni e speranze, spesso uccide, ci viene imposto ancor più di apprezzare ciò che abbiamo. La mia domanda è: a quale prezzo?
Amo il mio lavoro ma amo anche la mia famiglia; è indispensabile avere almeno un giorno da poterle dedicare. Il rispetto della domenica è un diritto che, a chi lavora nel mondo del commercio, è stato completamente tolto.
Aprire gli esercizi commerciali al tempo, era stato proposto quale iniziativa per incentivare nuove assunzioni e stimolare i consumi. Si è partiti nei periodi a ridosso delle festività quali Natale e Pasqua per poi arrivare ad oggi, dove la domenica equivale ad un giorno lavorativo come gli altri. Nessuna nuova assunzione è stata fatta e a livello di consumi chi fa la spesa di domenica non acquista più il sabato o il lunedì come un tempo. Per noi lavoratori e per le nostre famiglie sono iniziate le difficoltà…
Se già il riposo settimanale spesso veniva spostato per esigenze lavorative con il risultato di non potersi mai organizzare per tempo ora, senza quell’unico giorno fisso da poter condividere con i propri cari, nulla è più come prima.
La domenica viene pagata come straordinario ma con la tassazione non rimane molto a fine mese… Il riposo compensativo cade un giorno della settimana a caso con il risultato che i tuoi familiari sono al lavoro, a scuola, e ti ritrovi una bella giornata libera, buona soltanto per le faccende domestiche! Come può non generare crisi il non poter stare insieme?
Papa Francesco dice” La famiglia è il più grande tesoro di un Paese. Lavoriamo tutti per proteggere e rafforzare questa pietra d’angolo della società”.
Per questo oggi con queste righe, spero di arrivare a quante più persone possibili e chiedere a ognuno una maggiore coscienza nelle azioni e nei consumi.
Gli esercizi commerciali sono aperti ad orario continuato per agevolare chi lavora; torniamo ad acquistare in queste fasce orarie! Manteniamo anche da consumatori libera la domenica, perché anche una singola spesa incide sul fatturato e sulla statistica dei consumi; tutti numeri che alimentano la concorrenza e le aperture dei negozi.
Non diventiamo schiavi del consumo ma impariamo a dare il giusto spazio ai nostri bisogni: la domenica è momento di aggregazione, un giorno da dedicare alle proprie passioni, al riposo. Farlo diventare un giorno come un altro, come lavoratore e come consumatore, non fa che toglierci la libertà di apprezzare i doni delle nostre vite.
Come cristiani sentiamoci ancor più parte di questo: non appare un controsenso santificare la domenica con la Santa Messa e una volta usciti fare la fila con carrello e famiglia?? Ne vedo tantissime, davvero troppe!
Il parroco ci dice: ”La messa è finita, andate in pace. Glorificate il Signore con la vostra vita”…Ecco la prima piccola grande opera che possiamo fare: dare il giusto esempio di coerenza evitando di agguantare un carrello della spesa e prendere la bicicletta, visitare un amico o giocare con i nostri figli. Torniamo agli spazi verdi, agli ambienti parrocchiali e non ai centri commerciali!!!
Vescovi, parroci, spendete una parola nelle vostre diocesi e parrocchie! Parlate ai vostri fedeli, troppo spesso sordi e per stanca abitudine indotti al consumo, da non accorgersi più del prezioso tempo perso!
In occasione del 1 Maggio la CEI (che ha appoggiato la campagna di raccolta firme “LIBERA LA DOMENICA” per cui ancora attendiamo risposta dal Governo), ricorda ancora una volta l’importanza del rispetto della domenica perché “se non si rispetta la domenica, non si avrà rispetto nemmeno per chi è disoccupato e il lavoro diventerà schiavizzante e oppressivo”.
Nonostante tutto credo ancora che il lavoro nobiliti l’uomo e sia lo strumento indispensabile per prendere parte al progetto di Dio; credo fondamentale il renderci prossimi all’altro, in una società il cui capolavoro non è dato soltanto dalle innovazioni, il progresso e i fatturati ma, come ci ricorda Papa Francesco, “IL CAPOLAVORO DELLA SOCIETA’ E’ LA FAMIGLIA”. Un capolavoro che siamo chiamati tutti a salvaguardare."
 
#Domenicaliberitutti
Paola.