Centri commerciali aperti a Pasqua e il Lunedi dell’Angelo. Comodità, servizio o egoismo?

Versione stampabileVersione stampabile

In questi giorni particolari, vissuti all’insegna del contrasto alla diffusione del COVID 19, abbiamo assistito alla  profonda modifica dei tempi e delle modalità di lavoro. Si è introdotta, in maniera massiccia, la modalità dello smart working, una modalità diversa di svolgere il lavoro, rendendolo possibile attraverso l’uso di un computer, una rete di trasmissione e una piattaforma software.

Non tutto il lavoro, però, è possibile svolgere con l’uso di un computer. Le attività manuali non sono sempre e comunque sostituibili, nemmeno con dei robot o con altri metodi e/o tecnologie.

In particolare, il lavoro che gira intorno alla fornitura dei beni essenziali quali il cibo, in queste settimane non si è fermato, ritenendo questo lavoro (e il servizio conseguente) indispensabile e prioritario.

Tuttavia ci preme evidenziare come il lavoro domenicale, laddove non sia espressamente necessario come nel caso dei servizi di ordine pubblico, trasporti, energia e, sopratutto di questi tempi, sanitaria, possa essere fermato per consentire ai lavoratori una tregua e un giusto riposo. Siamo vicini alle famiglie di questi lavoratori che non possono, come altri, stare a casa con i propri cari nei giorni di Festa. 

Riteniamo utile porre l’attenzione da una parte all’importanza dell’approvvigionamento alimentare da parte delle famiglie e dall’altra della necessità di riflettere sulle aperture dei centri commerciali la Domenica (compresa la Pasqua e il Lunedì dell’Angelo, come accadrà in diverse regioni italiane), con un ulteriore sacrificio da parte dei lavoratori di quel settore, che meriterebbero una giusta pausa di riposo e di ristoro, magari anche in compagnia della famiglia, in questo periodo costretta a stare in casa. Riteniamo che l’apertura dei centri commerciali durante la festa pasquale non sia rispettosa dei tempi di riposo dei lavoratori.

Il MLAC da anni porta avanti una riflessione sul tema dell’apertura dei centri commerciali alla Domenica e in proposito ha anche sviluppato alcuni approfondimenti, l’ultimo dei quali si è svolto durante l’iniziativa di formazione estiva (https://www.youtube.com/watch?v=PEJHskQ5roI&feature=youtu.be ).

Le persone che hanno continuato a lavorare hanno già dato prova, in questi giorni di emergenza dovuta alla pandemia, di grande professionalità e dedizione, come del resto molte altre categorie (infermieri, medici, personale sanitario, forze dell’ordine…).

Riteniamo utile ricondurre le questioni sollevate da questa non facile situazione ad un momento successivo di riflessione sui nostri limiti umani e sull’utilizzo del tempo, dello spazio e delle risorse economiche per ripensare un modello di sviluppo che metta al centro l’uomo e per far si che il benessere dell’uomo non prevalga sempre sul profitto.

 

 

Roma, 8 Aprile 2020