Taxi solidale

Versione stampabileVersione stampabile

Titolo: Taxi solidale per un oratorio intergenerazionale
Gruppo Proponente: Unità pastorale Laureana di Borrello - Candidoni

 

Descrizione:

L’intervento Taxi solidale per un oratorio intergenerazionale nasce all’interno dell’unità pastorale di Laureana di Borrello e Candidoni, un territorio posto nella piana di Gioia Tauro, suddiviso in quattro piccole parrocchie (Bellantone e Sant’Anna, Stelletanone, Candidoni e Laureana di Borrello). Successivamente alla visita pastorale del Vescovo nel Giugno 2019, considerate le dimensioni demografiche esigue delle suddette parrocchie, si è reso necessario, anche come stimolo per una crescita pastorale, l’unione di queste ultime in una unità seguita da un parroco e viceparroco. Il territorio è tuttavia variegato e disgregato, situazione che rende difficile la comunicazione e l’interazione fra le persone e soprattutto rende faticoso un progetto pastorale unitario. Il nostro progetto prevede l’affidamento da parte dell’Agenzia Nazionale Beni sequestrati e Confiscati, di un Pulmino nove posti da utilizzare all’interno del territorio parrocchiale per intervenire su due bisogni principali: Durante la mattina il mezzo verrà utilizzato per sostenere le persone più anziane, sole o ammalate, che vivono in situazioni di marginalità e disagio; mediante una turnazione di volontari si potranno accompagnare per visite, fare la spesa o altri servizi vari. Durante il pomeriggio si effettuerà l’intervento più necessario ed importante: il Taxi servirà ad accompagnare le più giovani generazioni per le attività oratoriali e catechetiche. Proprio per questo target abbiamo pensato di potenziare il nostro oratorio interparrocchiale “Beato Piergiorgio Frassati”, già esistente e funzionante, per agire sui bisogni più urgenti di questo territorio. La zona è a forte vocazione agricola e molte famiglie sono impegnate nei lavori manuali nei campi; questo, insieme alle difficoltà logistiche territoriali, essendo le frazioni molto distanti fra loro, porta alla poca cura della formazione extrascolastica dei più giovani. I rischi principali del territorio sono la dispersione scolastica e conseguentemente la devianza minorile, essendo il territorio a forte incidenza della criminalità organizzata. Per cercare di prevenire questi fenomeni e provvedere all’avvio di percorsi di crescita e sviluppo non formali, abbiamo costituito una dinamica rete territoriale, coinvolgendo varie agenzie educative comunque già vicine alla Parrocchia. Si attiveranno nell’oratorio le seguenti attività: corsi di Musica grazie all’Associazione Culturale Musicale “Paolo Ragone” a cui fa capo l’Orchestra Giovanile di Fiati; un laboratorio di Teatro grazie ad alcuni volontari che fanno parte da anni di compagnie teatrali locali; un laboratorio artistico e un doposcuola insieme ai Cooperatori Guanelliani; un cineforum organizzato dai giovani della parrocchia e inoltre in collaborazione con la Caritas attiveremo esperienze di volontariato per offrire possibilità ai ragazzi di assumere consapevolezza sui bisogni del territorio nelle persone più fragili. Infine nell’oratorio promuoveremo momenti di scambio intergenerazionale, al fine di trasmettere tradizioni e antichi saperi ai giovani e far trascorrere momenti di compagnia e serenità agli anziani. In conclusione del primo periodo di attività dell’oratorio intergenerazionale realizzeremo una festa finale in cui si esibiranno i talenti sviluppati durante il periodo del progetto. Partecipiamo al bando avendo già fatto richiesta all’Agenzia Beni Confiscati per il pulmino e con il finanziamento della Progettazione Sociale contiamo di acquistare strumenti musicali, attrezzature elettroniche e materiale didattico per il potenziamento delle attività. Le spese di Gestione del Pulmino rimarranno in carico alla parrocchia in collaborazione con le istituzioni locali.